#BEMILLENNIAL
Login Link Facebook Link Instagram

CITYLIVESKETCH FONDE ARTE E REALTA' – INTERVISTA ALL’ARTISTA

Alessandra Carraro 28-02-2018 113

Cosa succede quando fotografia, disegno, tecnologia e ambiente circostante si fondono in un’unica opera? Si ottiene un CityLiveSketch.

Un CityLiveSketch è uno schizzo, una foto e un file, tutto insieme. E’ un’invenzione di Pietro Cataudella , il primo CityLiveSketcher del mondo.

Spesso sentiamo dire che nel 2018 il lavoro non si cerca, si inventa. Pietro, cresciuto con l'amore per l’arte e il disegno, ha concentrato le sue energie su tutte le cose che lo appassionavano, le ha messe insieme e le ha trasformate in una professione.

Come ha fatto? L’ho chiesto a lui.

Hai portato i doodle a un livello successivo, li hai fusi con la realtà: da dove nasce quest'idea?

L'idea di fondere due forme d'arte come il disegno e la fotografia è nata un po' per caso, dal desiderio di realizzare contenuti multimediali originali e creativi. Inizialmente realizzavo disegni di paesaggi o monumenti su un taccuino da viaggio, poi lo fotografavo davanti al luogo rappresentato. Successivamente ho iniziato a creare illustrazioni più elaborate in cui il disegno interagisce o si fonde in maniera fantasiosa con l’immagine di sfondo.

 

Come decidi quale soggetti "integrare" con i tuoi disegni? Sei tu che trovi i soggetti, o i soggetti che trovano te?

L'ispirazione spesso arriva nei luoghi e nei momenti più vari, quindi è fondamentale avere sempre con me reflex o smartphone per scattare fotografie, e un taccuino per riportare su carta l'idea iniziale. In altre occasioni, invece, viaggio appositamente per realizzare nuovi CityLiveSketch. 

Tu disegni sia a mano in un taccuino, sia sul telefono. In base a cosa scegli l'uno o l'altro? Quali app o programmi su smartphone o pc usi?

Solitamente preferisco disegnare su un taccuino perché trovo insostituibile il piacere di toccare con mano il risultato finale, direttamente su un supporto cartaceo. Ultimamente mi sto avvicinando anche al mondo del disegno digitale mediante smartphone o tablet, che utilizzo per sperimentare nuove tipologie di illustrazioni. I programmi e le applicazioni che uso frequentemente sono Photoshop, Lightroom e Autodesk Sketchbook.
 

Come nasce il nome "CityLiveSketch"?

Le prime illustrazioni, che inizialmente pubblicavo solo sui miei canali personali, erano delle "cartoline 2.0" di città e monumenti, quindi il titolo che davo alle mie creazioni era sempre del tipo "Nome soggetto - Live Sketch", per indicare il fatto che il disegno veniva realizzato e poi fotografato direttamente sul posto. Da qui l'idea di unire tutte le illustrazioni sotto uno stesso nome generico: prima con l’hashtag #citylivesketch, poi con un progetto artistico vero e proprio, @CityLiveSketch.

Quanto è importante la tua fantasia in quello che fai? 

La fantasia ha sicuramente un ruolo centrale, specie durante la realizzazione di illustrazioni particolarmente creative, così come la tecnica, maturata nel corso degli anni da autodidatta con tanta pratica e pazienza.

 

Diffondi la tua arte solo sui social oppure fai anche mostre? 

Attualmente sono attivo sui principali social network, ma l'idea di realizzare una mostra c'è da tempo e spero di trasformarla presto in realtà!

 

Quali sono i tuoi progetti per il futuro, artistici e professionali? 

Ho sicuramente intenzione di continuare a realizzare illustrazioni per mostrare le bellezze che ci circondano secondo il mio personale punto di vista, migliorare ulteriormente la mia tecnica e realizzare nuovi CityLiveSketch animati.

 

Dove possiamo trovare altre foto?

CityLiveSketch è sia su FACEBOOK che su INSTAGRAM.

 

Seguite CityLiveSketch su Facebook e Instagram e Twitter, e potete scoprire di più direttamente sul suo sito!

Condividere un'idea significa renderla più forte e quando un'idea prende forza la sua eco può raggiungere luoghi lontani...
Condividi con gli altri e prendi parte a questo grande movimento! #bemillennial

TENDENZE