#BEMILLENNIAL
Login Link Facebook Link Instagram

Diabolik Sono Io - 11, 12 e 13 marzo al Cinema

Francesco Leone 11-03-2019 9

Era il 1962, novembre per l’esattezza, e in Italia usciva il primo numero di una serie che ha fatto la storia del giallo a fumetti in Italia. Diabolik, disegnato per la prima volta da Angela Giussani si ritagliò immeditatamente uno spazio importante nelle edicole e nell’immaginario degli italiani e il suo mito è ancora fortissimo.

Le copie vendute sono milioni e se provate a comprare su Ebay il primo numero originale dovrete sborsare circa sei mila euro.

Un ladro senza scrupoli, un assassino feroce e un amante passionale. Le storie di Diabolik e della sua compagna e aiutante Eva Kant sono diventate leggenda.

Partito oltre cinquant’anni fa, il mito del ladro dalla mira infallibile che uccide e deruba  aristocratici con il solo aiuto della sua compagna e della sua lama fidata terrorizzando Clerville non smette di appassionare.

Diabolik ha catturato generazioni con libri e fumetti; su di lui sono stati prodotti programmi radio, videogiochi, film e merchandising di tutti i generi, una vera icona.

Nel 1968 usciva Diabolik Danger con regia di Mario Bava il primo film “Re del Terrore”, e poraNel 2019 uscirà un nuovo film, diretto dai Manetti Bros che tutti i fans aspettano con ansia.

Nel frattempo i veri appassionati avranno tre giorni per gustarsi Diabolik Sono Io, al cinema in tutta Italia da lunedì 11 marzo fino a mercoledì 13.

 

A QUESTO LINK la programmazione su tutta Italia.

 

Si tratta di un docu-film che vuole raccontare il mito del Re del Terrore attraverso i volti dei disegnatori, dei creatori e di tutti i protagonisti che hanno reso Diabolik il mito che conosciamo.

Nel documentario farà luce anche sul mistero legato ad Angelo Zarcone, il disegnatore del Numero Uno di Diabolik, inspiegabilmente scomparso senza lasciare tracce dopo aver completato le tavole della prima serie.

 

 

Da NexoDigital, distributore del film:

Il docu-film immagina di tratteggiare un identikit quanto più accurato del Re del Terrore, avvalendosi di una galleria di testimoni dell’Olimpo’ del fumetto, Milo Manara, Mario Gomboli, Alfredo Castelli, Tito Faraci, Gianni BonoGiuseppe Palumbo, di esperti del noir come Carlo Lucarelli e Andrea Carlo Cappi, di registi visionari come i Manetti bros., del costumista Massimo Cantini Parrini oltre che della partecipazione straordinaria di Stefania Casini nei panni dell’avvocato Bianca Rosselli e della presenza di Claudia Stecher in quelli di una misteriosa ragazza.

Anche se a fare da fil rouge della narrazione saranno ancora una volta loro, le sorelle Giussani, grazie a un’intervista ‘senza tempo’ riemersa dalle Teche Rai, un materiale preziosissimo, che insieme ai ‘Super8 ritrovati’ dei viaggi di Angela e Luciana attorno al mondo, alle tavole storiche dell’archivio Astorina e agli omaggi disegnati dal vivo da Giuseppe Palumbo, contribuiranno a dare vita a un ritratto mai visto prima dell’eroe del fumetto. 

Condividere un'idea significa renderla più forte e quando un'idea prende forza la sua eco può raggiungere luoghi lontani...
Condividi con gli altri e prendi parte a questo grande movimento! #bemillennial

TENDENZE