#BEMILLENNIAL
Login Link Facebook Link Instagram

Phyphox: Veri Esperimenti di Fisica sul Tuo Smartphone

Alessandra Carraro 16-06-2018 294

Phyphox è un’applicazione gratuita che ti permette di fare esperimenti e misurazioni fisiche proprio come se ti trovassi in un vero laboratorio. È già tutto installato nel telefono, basta avere un’app che sappia sfruttare le potenzialità dei nostri cellulari: quest’app è Phyphox.

Sapevi di avere con te un magnetometro 3D? Sapevi di poter usare il tuo telefono come un pendolo per misurare l'accelerazione gravitazionale della Terra? Che puoi trasformare il tuo telefono in un sonar?Phyphox nasce dalla mente dell’altoatesino Christoph Stampfer e sta facendo il giro del mondo.

Chiedere agli studenti di osservare delle dimostrazioni fatte in laboratorio, non è la stessa cosa che fargliele fare in prima persona”, ha detto Stampfer.

Così, ho pensato allo smartphone: è uno strumento potentissimo, ricco di sensori sofisticati tanto quanto quelli di uno space shuttle, pensiamo alla fotocamera, al microfono, all’accelerometro, al giroscopio, al magnetometro o al barometro. Sensori che ci consentono di fare moltissime operazioni”.

Phyphox ti permette di sfruttare al 100% le potenzialità dei nostri smartphone, dandoti accesso ai sensori del telefono. I principali sensori utilizzabili sono: Accelerometro, Magnetometro, Giroscopio, Intensità luminosa, Pressione, Microfono, Prossimità e GPS.

Quindi, il nostro smartphone possiede già le capacità necessarie per misurare il moto di un pendolo, quantificare la velocità del suono, o studiare un moto in ascensione. Phyphox entra in azione quando il gioco si fa duro, cioè quando arriva il momento di analizzare i dati.

Lo sviluppatore di Phyphox, che sta per PHYsical PHOne eXperiment, è Sebastian Staacks. L’app consente di leggere in tempo reale i risultati ottenuti dagli esperimenti. In questo modo, anche “i non addetti ai lavori” potranno facilmente capire come si ottiene una misurazione fisica.  

Credevate che un app come Phyphox, così professionale e precisa, potesse sbarcare su un comunissimo smartphone?

Nelle scuole tedesche, Phyphox è già molto diffusa. In Italia è arrivata da poco, perché era necessario un lavoro di traduzione dall’inglese o dal tedesco. Sono stati gli studenti dell’Alternanza Scuola Lavoro del Dipartimento di Fisica della Sapienza di Roma a tradurre Phyphox in italiano.

Phyphox è disponibile per Android e per iOs. “Phyphox è diventata una valida alternativa alla strumentazione tradizionale, spesso costosa e troppo complessa”, commenta Stampfer. “È sempre più importante che i ragazzi sappiano usare al meglio la tecnologia e possano comprendere appieno la fisica. Il futuro è nella scienza”.

Phyphox sta facendo il giro del mondo e non sembra intenzionata a fermarsi. Per favorirne la diffusione, ogni stato ha il suo “ambasciatore”, che si occupa di promuovere Phyphox nel suo paese. Finora ce ne sono almeno 19, e ce n’è uno perfino in Africa.

L’applicazione ha registrato già più di 400.000 download, con una media di mille installazioni al giorno. I commenti su Play Store sono entusiastici. “The better app for sensors I ever seen. Please, keep it free”, dice uno.

La migliore raccolta di app per la fisica che io abbia usato! I dati sono visualizzati in modo chiaro e comprensibile. Il controllo remoto è utilissimo. Complimenti agli sviluppatori”, scrive un altro.

Phyphox è un lampo di genio che permette alla divulgazione scientifica di arrivare fin dentro le tasche di tutti. Spesso concetti accademici molto difficili, come degli esperimenti di fisica, rischiano di essere banalizzati al momento della diffusione al grande pubblico.

Tuttavia, Phyphox riesce a semplificare i concetti non nella sostanza, ma solo nella forma. In questo modo non vengono snaturati, ma sono comunque in grado di farsi comprendere da tutti.

Millennials, pronti a scaricare Phyphox?

Condividere un'idea significa renderla più forte e quando un'idea prende forza la sua eco può raggiungere luoghi lontani...
Condividi con gli altri e prendi parte a questo grande movimento! #bemillennial

TENDENZE